Film da ridere (parte I)

audience-laughing-movie-theater

Il post di oggi è il primo di una breve serie dedicato al cinema da ridere; ovvero quei film che ci hanno fatto ridere o sorridere. Ho selezionato un discreto numero di titoli cercando tra i classici intramontabili, avendo a disposizione un enorme materiale, e tra questi ho scelto quelli che più ho avuto modo di apprezzare.

Partiremo dal cinema muto degli anni ’20, passando per la commedia degli anni d’oro di Hollywood, arrivando quindi alle commedie più mature viste tra gli anni ’70 e ’80.
Insomma, ne vedremo delle belle.

Continua a leggere

Annunci

I 10 film della mia infanzia – 4 di 10 – Da grande (’87)

da grande

Scegliere dieci film tra tutti quelli che hanno accompagnato la mia infanzia è un’impresa davvero ardua. Da una parte posso contare sulla mia vasta videoteca che mi aiuta a rinfrescarmi la memoria qualora non dovessi ricordarmi tutti i titoli fondamentali; d’altra parte devo fare uno sforzo considerevole dal momento che non tutti quei film li possiedo in dvd, e andare in cantina a rispolverare tutte le videocassette francamente non mi va.
Se, come in questo caso, la cerchia si restringe ai soli film italiani la cosa diventa un pochino più facile; quindi mi sembra doveroso dedicare un post a uno dei film più deliziosi che abbia mai visto: Da grande.

Continua a leggere

C’era una volta il west – tra i 5 film più belli della storia

cera_una_volta_il_westNon ho mai stilato una classifica dei miei dieci film preferiti. Dentro di me vige una sorta di insicurezza che mi rende impossibile prendere una decisione ferma e sincera verso una questione di così vitale importanza; ma se dovessi scegliere dove collocare C’era una volta il west, se non tra i primi tre posti, di sicuro lo metto tra i primi cinque. Sicuro, sicuro, sicuro.
Per un semplice motivo: questo film è cinema. Continua a leggere

Ciao Bambino

14698

Siamo tutti cresciuti con Bud Spencer, inutile negarlo. Quanti di noi non si sono mai trovati, anche per caso, seduti davanti alla tv in una sera d’estate a ridere per la centocinquantesima volta di fronte alle scazzottate di Bambino, Bomber, Bulldozer, Piedone o Lo sceriffo extra terrestre?
Nessuno credo. Ecco perché ieri sera una parte importante della nostra infanzia se n’è andata per sempre. Bud Spencer, vero nome Carlo Pedersoli, era il nonno che avremmo voluto tenere per mano anche a 30 anni, sentendoci sicuri perché ci avrebbe protetto da qualsiasi pericolo.
Ci avrebbe fatto giocare col suo pancione e la sua barba e avrebbe dato un pugno in testa al bulletto che ci faceva i dispetti.

Continua a leggere

Volere volare – un tesoro dimenticato

volere volare

Stavo pensando di creare una nuova categoria e nominarla “I dimenticati” per poter scrivere di quei film che hanno accompagnato la mia infanzia e che erano molto popolari negli anni ’90, ma che poi col tempo sono finiti nel dimenticatoio. Anche se l’idea che un film possa finire nel dimenticatoio è strettamente legata al potere che hanno i mass media; se un film non viene più proposto in tv non vuol dire per forza che sia stato dimenticato, specialmente da chi come me ha amato certe pellicole che ora non vengono più trasmesse, ma questo è un altro discorso
Continua a leggere

Lo chiamavano Jeeg Robot – una vera sorpresa

jeegQuesta volta il cinema italiano è riuscito a stupire alla grande. Non sono uno di quelli che dice che il nostro cinema è morto e non riesce più a risollevarsi: di film buoni ne sforniamo ogni anno. Certo siamo specializzati nella commedia e difficilmente riusciamo a vedere oltre e spesso i film migliori sono sempre i soliti nomi a proporli (vedi Mia madre di Nanni Moretti) ma tutto sommato di recente abbiamo sfornato film davvero belli e sottovalutati; tra tutti mi vengono in mente Noi e la Giulia oppure Sei mai stata sulla luna? che sono sì commedie leggere ma possiedono quella leggerezza e dolcezza che il mondo dovrebbe invidiarci.
Con Lo chiamavano Jeeg Robot invece il regista Gabriele Mainetti ha tentato quello che fino a poco tempo fa sembrava un’impresa impossibile: portare sullo schermo un superhero movie tutto italiano.
E l’impresa è riuscita oltre le più rosee aspettative. Continua a leggere

L’abbiamo fatta grossa

locandinaIl 28 gennaio è uscito il nuovo film di Carlo Verdone che da poco più di un decennio propone le sue pellicole a cadenza biennale. Ottimo interprete e dignitoso regista, l’attore romano è qui giunto alla sua 25esima prova cinematografica, avvalendosi di una spalla importante quale Antonio Albanese.
Come si è rivelato questo curioso e interessante binomio?
Scopriamolo insieme. Continua a leggere