Libri

Il paradiso dei libri (Trieste)

 

Libreria-Trieste

Ho passato tre giorni a Trieste, e sono stati davvero belli. Oltre a essermi rilassato e aver mangiato (e bevuto) bene, ho visto una città che a livello architettonico mi ha affascinato. La piazza Unità d’Italia di sera è qualcosa di indescrivibile, una delle tante perle che contribuisce a rendere l’Italia un paese meraviglioso.
Le vie strette e in salita nascondono particolari che sembrano condurti in un universo parallelo: tra questi ho trovato il mio paradiso, e si chiama La bottega del nonno. È una libreria formata da due locali separati dalla strada. Si trova in via Venezian e passa talmente inosservata che quando mi sono recato al negozio la seconda volta ho avuto il timore, non trovandolo, di aver avuto un’allucinazione.
Il primo negozio vende libri storici,di arte e cartoline e documenti dei primi del novecento, mentre il secondo negozio vende perlopiù romanzi tutti ben conservati nonostante si tratti, nella maggior parte dei casi, di edizioni datate. E la cosa incredibile è che costano tutti (e vorrei sottolineare tutti) 1 euro.
I gialli Mondadori, quelli tascabili con la copertina gialla, costano addirittura 50 centesimi,e saranno stati a occhio e croce più di duecento. Quando mi sono trovato dentro questa libreria con tutti questi libri accatastati nelle mensole e anche per terra, tra il profumo di carta ingiallita (e anche polvere) mi sono sentito in un universo parallelo, come se fossi dentro un luogo che finora ho sempre e solo sognato.

A pensare quanta storia c’era tra quelle pagine, quanti anni e quanti eventi hanno attraversato, quante mani hanno sfogliato quei piccoli gioielli, quante storie dietro tutte quelle pagine, mi vengono tuttora i brividi.
Ovviamente ho fatto scorta e ho comprato “solo” 15 libri. Se tornassi indietro ne comprerei certamente molti di più,ma ahimè aggiungere sacchetti ai bagagli per il ritorno mi costringeva a darmi un limite.

L’acquisto più convenzionale è stato Il principe e il povero, uno dei classici di Mark Twain, libro che quasi tutti gli appassionati di letteratura hanno sicuramente letto, mentre io devo ancora rimediare a questa lacuna.
Convenzionale ma non troppo perché avere un classico in un’edizione datata gli conferisce quel fascino in più.

Altro acquisto interessante, ma che rientra nella lettura d’evasione, sono i primi tre romanzi della saga La torre nera di Stephen King, ovvero L’ultimo cavaliere, La chiamata dei tre e Terre desolate.
Ho sempre voluto iniziare questa saga ma c’è sempre stato qualcosa che finora mi ha frenato, non so cosa. E ora che ho avuto la possibilità di acquistare i primi tre romanzi a soli tre euro mi sono definitivamente convinto.

Chi se ne intende più di me forse conosce Anni verdi di Archibald Joseph Cronin. Io sinceramente non lo conoscevo ma mi ha incuriosito la storia che sembra essere molto tenera e poi ho letto le recensioni su internet e quasi tutti i lettori dicono che sia un capolavoro. Le recensioni le ho lette dopo perché per un euro sinceramente non mi sembrava il caso di essere dubbioso.

Gli acquisti seguenti sono delle vere e proprie rarità: una di queste è Killer mio! di Mickey Spillane.
Di questo autore ho letto solo Io ti ucciderò, anche perché è l’unico romanzo che si trova nelle librerie, e neanche tanto facilmente, quindi l’ho acquistato ad occhi chiusi senza leggere nemmeno la trama.

E poi ho preso una serie di romanzi western tascabili, si tratta di edizioni degli anni ’60 che uscivano mensilmente al costo di 350 lire. In quanto amante di western è sempre stato un mio sogno trovare libri ambientati nel selvaggio west e quindi ne ho presi una manciata.
Alcuni titoli: Le pistole pazze, Era solo la figlia dello sceriffo, Uomini disperati, Lotte nel west, Uno sceriffo per tutti e I compari da cui è stato tratto l’omonimo film di Robert Altman.

Altro classico che in molti di sicuro conosceranno è La luna è tramontata di Steinbeck.

Trieste mi resterà sempre nel cuore, certamente per la sua bellezza e per il ricordo della bellissima gita ma soprattutto per la scoperta di questa libreria magica che tra tutti quei libri alla rinfusa nascondeva un sacco di cimeli e rarità. Se passate di lì vi consiglio vivamente di fare un giro:  se siete appassionati come me potreste passare anche due ore come è capitato a me. Il negozio si chiama La bottega del nonno e si trova in via Venezian.

Sto già pensando di tornare a Trieste solo per fare un giro in quella libreria. Questa volta senza bagagli ma con dei borsoni vuoti tutti da riempire.

 

trieste

Regali di compleanno

comple

Ieri ho compiuto 29 anni, e questo è l’ultimo anno in cui la mia età ha un 2 davanti.
Cosa si prova? Sinceramente sono quasi cinque anni che ci penso, perché dai 25 anni in poi si va incontro a quelle che io definisco “non età” perché è tutto un susseguirsi di “Tra poco sono 30”.
Ma la cosa sulla quale mi interessa soffermarmi sono i regali: chi mi segue sa che sono un appassionato di cinema e libri, quindi la maggior parte di regali che ho ricevuto rientrano in queste categorie.

(altro…)

Pape satàn aleppe – il testamento di Umberto Eco

downloadOggi sono andato in libreria e ho acquistato l’opera postuma di Umberto Eco: Pape Satàn Aleppe (Cronache di una società liquida).
Questo libro raccoglie molti articoli che Eco ha pubblicato per la rubrica che teneva sul settimanale L’espresso, dal titolo Le bustine di Minerva.
Il nome della rubrica deriva dal fatto che all’interno dei fiammiferi Minerva c’erano due spazi bianchi dentro i quali il professore era solito prendere appunti, ed è così che i suoi articoli amava chiamarli Bustine. Alcune di quelle Bustine sono stata pubblicate ne Il secondo diario minimo, nel 1992, e questo nuovo libro raccoglie alcune Bustine scritte tra il 2000 e il 2015.
Il tema che accomuna questa raccolta di scritti è la riflessione su una “società liquida” ovvero si riflette sul fatto che stiamo vivendo un periodo di “liquefazione” di valori dovuta alla crisi dello Stato tramutatasi poi in una crisi dei partiti che si è riversata poi sui singoli individui che si sono ritrovati privi di una serie di valori che li faceva sentire parte di qualcosa. (altro…)

Chi perde paga – l’ossessione per la lettura

Chi perde paga è l’ultimo romanzo di Stephen King, pubblicato in Italia a ridosso del 68esimo compleanno del Re. Si tratta del seguito del bel thriller Mr. Mercedes e a mio avviso è uno dei lavori migliori di King.
Addirittura? Vi chiederete voi. Ebbene è così, ed ecco spiegato il perché: (altro…)

Umberto Eco e Harper Lee: un vuoto difficile da colmare

 

umbertoeco-654x404harper-lee

Se ne sono andate due figure importanti della cultura e letteratura, appartenenti a mondi e a stili diversi ma che entrambi a modo loro hanno influenzato gli ultimi cinquant’anni: Harper Lee autrice del capolavoro letterario Il buio oltre la siepe è venuta a mancare venerdì 19 febbraio all’età di 89 anni, mentre Umberto Eco, professore, scrittore, saggista e filosofo si è spento ieri, 20 febbraio, all’età di 84 anni.
Inutile dire che si tratti di due personaggi di cui si parlerà negli anni a venire, e ora vedremo il perché. (altro…)

Honkytonk samurai – il ritorno di Hap e Leonard

honkytonksamurai-e1448371894900Per i fan dello scrittore texano Joe R. Lansdale il 2015 si è chiuso nel migliore dei modi grazie alla pubblicazione di Honkytonk samurai, la nuova avventura che vede protagonisti i due investigatori più scalcagnati e cazzuti del mondo della letteratura: Hap e Leonard. A venticinque anni dalla prima avventura Una stagione selvaggia e cinque anni dopo l’ultimo non entusiasmante romanzo Devil red.
I nostri eroi sono cresciuti insieme ai loro lettori e li troviamo quindi acciaccati ma per niente con la testa a posto, in modo particolare in questa avventura che risulta essere una delle più rocambolesche della serie. (altro…)

I soldi spesi per un libro (i soldi meglio spesi)

libri leggereI soldi spesi per un libro sono sempre spesi bene. Questo mi è stato insegnato quando ero piccolo e devo dire di aver preso questo insegnamento alla lettera. A dire il vero mi è stato detto una volta sola, ma è bastata per restarmi impressa. E io devo aver preso molto sul serio quelle parole:
(altro…)