Se non ho fatto male i calcoli quest’anno ho visto 26 film al cinema, quindi una media di due film al mese. Il 2018 è stato un anno non particolarmente memorabile a livello cinematografico, ma devo dire che ci sono state diverse sorprese e inaspettate delusioni. Ho deciso, con discreta fatica, di stilare una classifica dei dieci film che mi sono piaciuti di più. Ho scelto quelli che mi hanno fatto uscire dalla sala o con un sorriso o con gli occhi sbarrati dall’emozione. Alcuni storceranno il naso nel vedere alcuni titoli tra i primi dieci, specialmente se consideriamo i titoli esclusi.

Sì, perché nella lista c’è un grande assente. Sto parlando di Ready Player One. Per molti è stato il film più bello dell’anno, una vera gioia per gli occhi (e lo è), ma io avevo aspettative troppo alte, come per ogni film di Spielberg. Questo ha fatto sì che uscissi dalla sala completamente indifferente. Chiariamoci, il film è una bomba visiva, ma non ho trovato quelle chicche registiche alle quali Spielberg mi aveva abituato. Ho trovato molta gioia visiva ma poca anima. Quindi non me la sono sentita di inserirlo tra i primi dieci. Chiusa questa parentesi passiamo ora ai dieci film che ho apprezzato di più.

10) Robin Hood – L’origine della leggenda

RobinHoodEgerton

Regia: Otto Bathurst
Con: Taron Egerton, Jamie Foxx, Eve Hewson, Ben Mendelsohn

Mi sono subito affezionato a questa versione moderna e tamarra del famoso arciere. Un po’ perché Robin Hood è l’eroe che ha contribuito a forgiare la mia passione per il cinema (grazie Kevin), e un po’ perché questo film è stato massacrato alla grande, dai critici ma soprattutto dal pubblico, decretandone così il fallimento commerciale. Ed è un peccato, perché questa nuova versione era stata sì presentata come tamarra e ultramoderna, ma non è neanche così ignorante come ci si poteva aspettare. La ricostruzione è ben curata e i paesaggi sono notevoli. Gli attori non tutti azzeccati (Lady Marian è forse la più brutta mai vista sul grande schermo) e poi provo tenerezza nei confronti di Taron Egerton che nonostante la giovane età ha voluto correre il rischio di tenere testa ai grandi che hanno portato Robin Hood sullo schermo prima di lui.


09) Jurassic World – Il regno distrutto

Jurassic-World

Regia: Juan Antonio Bayona
Con: Chris Pratt, Bryce Dallas Howard

Quando ero bambino due cose mi facevano impazzire: i dinosauri e la lava.
In questo film ci sono entrambi. Serviva altro per regalare al secondo Jurassic World un posto tra i primi dieci? Il film di per sé non è particolarmente memorabile, ma lo spettacolo c’è e ti intrattiene per tutte le due ore abbondanti. Quindi promosso.


08) Il ritorno di Mary Poppins

mary

Regia: Rob Marshall
Con: Emily Blunt, Lin-Manuel Miranda, Ben Whishaw, Emily Mortimer, Colin Firth, Dick Van Dyke

Tenere testa al classico Disney del ’64 era praticamente impossibile, e questo lo sapevano tutti.
Infatti, se paragonato al capolavoro di Robert Stevenson, questo sequel ne esce miseramente sconfitto. Se invece guardiamo il film uscendo dall’ombra di Julie Andrews troveremo un’opera deliziosa in perfetto stile Disney. Chiaramente ci sono alti e bassi: le canzoni sono orribili e ti chiedi come sia possibile che almeno UNA canzone non sia riuscita a entrarti in testa, quando le canzone del vecchio film erano TUTTE memorabili. Alcuni personaggi sembrano pallide imitazioni del primo Mary Poppins (il lampionaio che non ha un briciolo di carisma di Bert, oppure la cugina interpretata da Meryl Street in una scena che vorrebbe eguagliare quella del tè sul soffitto con il memorabile zio Albert). Ci sono dei momenti però che valgono il prezzo del biglietto: la “gita” nel vaso di ceramica, e i pochi minuti in cui compare Dick Van Dyke. Rivederlo nel ruolo del banchiere mette i brividi. E poi Emily Blunt è stupenda e riesce a tenere testa alla memorabile Andrews.


07) Venom

VenomMovie

Regia: Ruben Fleischer
Con: Tom Hardy, Michelle Williams, Riz Ahmed

Le aspettative erano bassissime, ma quando vedi un film al cinema per tre euro e ti aspetti una schifezza, a volte si corre il rischio di uscirne piacevolmente sorpresi. E Venom devo dire che mi ha divertito alla grande. Certo, se fossi un fan duro e puro del fumetto sarei inorridito di fronte all’approccio che hanno dato al film, in particolare a certe battute: “Nel mio pianeta ero uno sfigato come te.”
Io però mi sono divertito e sento che quei tre euro li ho spesi proprio bene.


06) Avengers: Infinity War

Screen_Shot_2018_04_19_at_11.01.35_AM.0

Regia: Anthony Russo, Joe Russo
Con: Robert Downey Jr., Josh Brolin, Chris Evans, Mark Ruffalo, Scarlett Johansson, Chris Hemsworth, Chris Pratt

Devo dire che un po’ mi scoccia mettere un film come Avengers tra i primi dieci (tra l’altro un dignitosissimo sesto posto) e aver trascurato Spielberg, uno dei miei registi preferiti. Ma c’è da dire che in casa Marvel hanno capito come far funzionare bene i loro giocattolini, e anche Avengers è uno spettacolo impeccabile che offre allo spettatore esattamente ciò che vuole. Niente di più, niente di meno. Neanche troppo dispiacere per i personaggi polverizzati, perché tanto sappiamo che in un modo o nell’altro torneranno. Da elogiare Josh Brolin che finalmente riesce a dare alla Marvel un cattivo memorabile: Thanos.


05) Bohemian Rhapsody

bohemian-rhapsody-film

Regia: Bryan Singer
Con: Rami Malek, Ben Hardy, Mike Myers, Gwilym Lee

Quando un film riesce a emozionarti già da quando parte la sigla della 20th Century Fox (in questo caso rivisitata in stile Queen) capisci che è di buon auspicio. Infatti il film mi ha emozionato. Certo, con le canzoni dei Queen in sottofondo anche un film mediocre potrebbe apparire un capolavoro, ma in Bohemian Rhapsody ci sono diverse sequenze da pelle d’oca; su tutte l’esibizione al Live Aid. Lì sembrava di vedere il vero Freddie Mercury. Rami Malek si è calato nella parte in maniere impressionante con rispetto e misura. Bryan Singer finalmente porta al cinema un gran bel film dopo un discreto numero di disastri.


04) BlacKKKlansman

blackkklansman

Regia: Spike Lee
Con: Adam Driver, John David Washington, Laura Harrier

Non sono mai stato un fan di Spike Lee e non conosco molto la sua filmografia. Ho solo visto di recente Clockers, un suo film del ’94 con Harvey Keitel che mi ha davvero emozionato.
Grazie a quel film mi sono avvicinato a BlacKKKlansman con i migliori auspici, e le mie aspettative non sono state tradite. Questo film è uno dei più belli dell’anno, che tratta un tema sempre attuale e delicato in maniera ironica ma anche feroce. Sono molti i momenti in cui si ride, per l’assurdità di certe idee e atteggiamenti. Ottimo il reparto attori e colonna sonora da urlo.


03) Tre manifest a Ebbing, Missouri

07-frances-mcdormand.w710.h473

Regia: Martin McDonagh
Con: Frances McDormand, Sam Rockwell, Woody Harrelson, Peter Dinklage

Un film che mi ha stupito e che ho trovato impeccabile nei dialoghi, la messa in scena e la recitazione. Su tutti chi mi ha piacevolmente sorpreso è stato Sam Rockwell, giustamente premiato con l’oscar. Il suo personaggio, inizialmente svalvolato, è protagonista di una scena memorabile girata in piano sequenza.


02) Coco

coco_0

Regia: Lee Unkrich

La Pixar aggiunge un nuovo gioiello ai suoi ricchi tesori. Coco ha saputo emozionarmi come hanno fatto Up e Toy Story 4, forse anche di più. Un tema insolito e non tra i più facili (la celebrazione del dia de muertos in Messico) che però viene trattato in maniera sublime. E alla fine a regnare sovrana è la pelle d’oca. Coco è il nome della nonna del protagonista, presente in pochissime scene ma che lasciano un segno indelebile.


01) Il filo nascosto

il-filo-nascosto-2017-paul-thomas-anderson-932x460

Regia: Paul Thomas Anderson
Con: Daniel Day Lewis, Vicki Krieps, Lesley Manville

Il film del 2018 che più di tutti mi ha emozionato è Il filo nascosto. Quello che ho visto sul grande schermo è cinema nel vero senso della parola. Ho quasi avuto la sensazione di trovarmi in un altro decennio quando il cinema era pura meraviglia e non era offuscato da nuove tecnologie e piattaforme che gli fanno concorrenza. P.T. Anderson aggiunge un nuovo capolavoro alla sua bellissima filmografia e Daniel Day Lewis ancora una volta si dimostra forse il più grande attore vivente. Film e attore sono stati candidati agli Oscar, e io avrei assegnato il premio a entrambi. Purtroppo però ha vinto solo un oscar per i costumi.

Quali sono stati i vostri film preferiti di questo 2018? spero di leggerlo nei commenti.

Alla prossima…

Annunci