mrs boudtfire

Robin Williams è il mio attore preferito. Lo è sempre stato.
Lo era durante la mia infanzia, quando la sua immagine era legata a titoli come Hook, Jack, Flubber, L’attimo fuggente e il film di cui parlo oggi Mrs. Doubtfire.
Lo è stato durante la mia adolescenza quando ha mostrato il suo lato più inquietante grazie a ruoli negativi come l’omicida in Insomnia e lo psicopatico in One hour photo.
Con quei ruoli è andata ad affievolirsi quell’immagine dolce e rassicurante che era entrata nel cuore di molti bambini e, complice anche la sua espressione che col tempo era divenuta più corrucciata, questo creò uno strano effetto, da una parte piacevole perché Williams aveva così dimostrato di essere a tutti gli effetti un ottimo attore; dall’altra parte fu come se il bambino in noi fosse stato tradito dal proprio compagno di giochi preferito, poiché avevamo visto il suo lato oscuro.

Mrs. Doubtfire per me ha avuto un ruolo fondamentale nel conferire a Williams la palma di amico d’infanzia. Il film uscì nel 1993, e fu trasmesso in prima tv presumibilmente tra il ’95 e il ’96; quindi io dovevo avere all’incirca 8-9 anni quando lo vidi per la prima volta.
All’epoca Williams era già il mio attore preferito, anche se a pensarci bene di film suoi ne avevo visti ben pochi. Solo L’attimo fuggente, Hook e La leggenda del re pescatore. Avevo anche la VHS di Risvegli ma non lo guardai mai attentamente perché è difficile apprezzare un film così profondo a quell’età. In quel periodo, quando scoprì Mrs. Doubtifire, uscì al cinema Nine months – Imprevisti d’amore, in cui Robin Williams aveva un piccolo ruolo come dottore molto imbranato. Inutile dire che i momenti più comici del film erano tutti suoi.

5db449c9a35a0dbf127796a19d0390a9
Lo sguardo dolce e rassicurante di Robin Williams, che entrò nel cuore di milioni di bambini.

Il film è diretto da Chris Columbus, che a quei tempi era una garanzia; egli era reduce infatti da tre pellicole di successo: Mamma ho perso l’aereo, Cara mamma mi sposo (con il grande e indimenticabile John Candy) e Mamma ho riperso l’aereo. Erano quindi anni particolarmente felici per il regista statunitense che dopo aver diretto i primi due episodi di Harry Potter, si è un tantino arenato.

Gli attori sono tutti fantastici e offrono interpretazioni memorabili rendendo questo film una delle commedie più belle degli anni ’90, se non di tutti i tempi.
Oltre allo strepitoso Williams, qui nei duplici panni di Daniel, padre amorevole, e la tata sovrappeso Mrs. Euphegenia Doubtfire, gentildonna dall’accento inglese, troviamo Sally Field nel ruolo della madre in carriera Miranda, Pierce Brosnan nei panni di Stuart, un ricco architetto che inizia una relazione con l’ex moglie di Daniel e che quest’ultimo cerca in tutti i modi di far naufragare. E poi ci sono i tre ragazzini adolescenti, su tutti la piccola Mara Wilson, che in quegli anni ebbe un breve picco di popolarità grazie a film come Miracolo nella 34esima strada e Matilda sei mitica.

Le scene memorabili sono tantissime: l’inizio in cui Williams canta sulle note de Il barbiere di Siviglia, doppiando un cartone animato, per poi essere licenziato per la sua eccessiva indole di andare contro corrente. La trasformazione in Mrs. Doubtifre, con l’aiuto del fratello omosessuale e il suo compagno, esperti in make up. I mestieri in casa sulle note di Dude (looks like a lady) degli Aerosmith, e su tutte la scena finale in cui il protagonista si trova in una difficile situazione: dover presenziare a una cena di lavoro e al compleanno della ex moglie, entrambe nello stesso ristorante. Egli quindi dovrà sdoppiarsi più volte e la situazione andrà chiaramente a degenerare.

gif.gif

La grandezza del film sta anche nel non cedere al lieto fine a tutti i costi, offrendo un finale realistico e, se vogliamo, dolce amaro.
Al contrario di quanto voleva la produzione, i due genitori non torneranno insieme, ma intraprenderanno ognuna la propria vita, senza trascurare i bambini che riusciranno a passare molto tempo col padre nonostante la sua condotta non molto esemplare.
Un finale perfetto che ti lascia col sorriso sulle labbra e gli occhi lucidi.

dentiera
Una delle scene più spassose del film, durante la cena al ristorante.

Mrs. Doubtfire è un film che non mostra affatto i segni del tempo e ha il merito di offrirci momenti esilaranti, trattando un tema sempre attuale, e offrendoci un Robin Williams al massimo del suo splendore, che anche grazie a questo ruolo, è entrato nel cuore di milioni di spettatori come me.
E, di diritto, anche nella storia del cinema.