Batman V Superman Ultimate edition -Come rivalutare un grande film

hqdefault

Nella mia precedente recensione di Batman V Superman – Dawn of justice (che trovate qui) ne avevo parlato bene ma non benissimo. Raccontavo di come mi ero sentito deluso e arrabbiato all’uscita dal cinema, ma con addosso la voglia di rivederlo. Sapendo che molto probabilmente questo film su di me avrebbe avuto l’effetto Inception; ovvero la prima volta non mi è piaciuto, la seconda volta l’ho capito, la terza l’ho trovato un capolavoro. Ed è esattamente così che è andata con Batman V Superman, e con l’edizione estesa presente nella Ultimate edition ho avuto conferma che il film di Zack Snyder è un gran film. E passerà alla storia per essere stato uno dei film più incompresi e maltrattati della storia del cinema.

Chiaramente proporre al cinema un cinecomic di 3 ore sarebbe stato rischioso, soprattutto a livello economico. Le sale avrebbero dovuto ridurre le proiezioni e il pubblico non sarebbe accorso in massa. Ma la critica lo avrebbe apprezzato sicuramente di più, e il pubblico avrebbe capito meglio alcuni passaggi.

Certo, non tutte le scene tagliate sono fondamentali: ad esempio la scena in cui si vede una creatura aliena durante l’arresto di Lex Luthor non credo aggiunga spessore alla trama, mentre invece trovo assurdo aver ridotto il colloquio tra Batman e Luthor che avviene in prigione verso la fine. Nell’edizione estesa è un po’ più lungo ed è una libidine.

Gran peccato è stato tagliare di netto la parte di Jena Malone, agente della scientifica che aiuta Lois Lane nell’indagine sulla strage avvenuta nel deserto.E sempre nel deserto sono ambientate alcune scene aggiuntive, in cui capiamo che il fotografo che viene ucciso è effettivamente Jimmy Olsen, e abbiamo modo di capire che gli uomini a cavallo che si vedevano nel trailer sono agenti della Cia. Questa sequenza al cinema è stata bruscamente tagliata, ma secondo me bastava far vedere il mercenario al soldo di Lex Luthor dare fuoco alle vittime, per dar meglio l’idea che si trattasse di un complotto per far ricadere la colpa su Superman.

Una nota a favore dell’edizione tagliata: il combattimento finale con Doomsday nell’Ultimate edition è fin troppo pieno di esplosioni e rischia di far venire un serio mal di testa, oltre a far sembrare tutto un po’ troppo forzato. Quindi molto meglio quella che abbiamo visto al cinema.

Altre parti aggiuntive da segnalare non mi sembra ci siano, a eccezione di scene più violente presenti nella battaglia nel deserto con l’esercito insettoide e lo scontro nel magazzino.

Dopo aver rivisto il film e aver confrontato le due edizioni posso dire, a discapito di tutte le critiche, che di più non si poteva fare a mio avviso.

La sceneggiatura mi sembra molto ben architettata, e l’intreccio narrativo che vede al centro il complotto ordito da Lex Luthor lo trovo ben riuscito.

Molti dicono che sono presenti troppi personaggi, troppe idee mal gestite. Ed è proprio per questo che io dico che di più non si poteva fare. Perché a differenza di The avengers, che offriva al pubblico personaggi già noti e ai quali ci si era già “affezionati”, in Batman V Superman tutto è nuovo, e sono stati fin troppo bravi a rendere interessanti tutti i personaggi.

Per chiarirci:
Batman? Il migliore mai apparso su schermo. Invecchiato, incazzato, violento e risoluto. Nolan ci ha regalato tre ottimi film d’azione, magistrali oserei dire. Ma dobbiamo ricordarci che, per quanto lo si voglia rendere realistico, Batman è pur sempre un tizio che va in giro vestito da pipistrello, e quindi la dimensione fumettistica non deve mancare. Qui c’è, e non vedo l’ora di rivederlo in Justice league e poi nel film in solitaria che probabilmente dirigerà Ben Affleck.

Superman? Forse a livello di espressività Henry Cavill non è il massimo (quando esplode il campidoglio sembra che gli abbiano rovesciato addosso il succo di frutta) però rende bene la sua natura aliena in conflitto col suo sentirsi dalla parte degli umani.

Lex Luthor? Ingiustamente paragonato a Joker, trovo che invece renda bene l’idea dello scienziato psicopatico, lontano da Gene Hackman e Kevin Spacey.

Lois Lane? nell’Ultimate edition viene meglio a galla la sua natura investigatrice, ma ad ogni modo appare comunque cazzuta quanto basta per farcela piacere.

Wonder Woman? Che dire? È proprio la donna delle meraviglie.

Alfred? Forse un grande attore come Jeremy Irons meritava più spazio, ma possiamo giustificarlo dal momento in cui Batman non è il protagonista assoluto del film. Il fatto di non aver reso Alfred una figura anonima è comunque una buona cosa.

Ultima nota di merito: la scena della visione ambientata nel deserto offre uno dei combattimenti più belli di Batman mai visti su schermo. E il tutto girato in un piano sequenza che Nolan se lo scorda.

In conclusione l’unica colpa di Batman V Superman è quella di avere un pubblico abituato ad avere la pappa pronta non ancora preparato a vedere qualcosa di diverso, di più coraggioso; e questo è costato molto. È costata la delusione del pubblico che ha fatto fare l’exploit durante la prima settimana per poi abbandonare velocemente le sale, ma che poi, come me, ha rivalutato alla grande il film.

Ad ogni modo, come dicevo nella scorsa recensione, questo film potrà avere anche mille difetti, ma resta comunque uno dei più grandiosi della storia dei cinecomic.

Annunci

2 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...