The ties that bind – The river collection – Tra piccoli gioielli e fondi di barile

61pidF7XztL._SL1500_

Le scelte possono significare molto, anzi tutto. Non basta avere il talento, a volte è necessario saper fare le scelte giuste per entrare nella storia. È quello che è successo a Bruce Springsteen quando nel 1979 consegnò alla Columbia il suo nuovo album The ties that bind, salvo poi prendere una decisione inaspettata: lo bocciò lui stesso.Egli sentiva che al nuovo album servivano più colori, più sfumature, e che non rispecchiava pienamente la sua vena creativa. Il nuovo episodio discografico del boss doveva contenere il tema dell’età adulta e allo stesso tempo rispecchiare la sua vocazione da band leader, e quindi servivano più canzoni. Ed è grazie a questa scelta che alla storia è stato consegnato The river anziché The ties that bind. A dire il vero oggi, grazie al cofanetto uscito lo scorso dicembre abbiamo modo di sentirli entrambi, ma ciò che resterà per sempre una colonna nella discografia springsteeniana è The river.

Perché The ties that bind sarebbe stato solo un buon album, e non quel capolavoro che è poi diventato The river. In questo cofanetto per celebrare i 35 anni di The river viene riproposto oltre all’album rimasterizzato, la prima versione intitolata appunto The ties that bind, due cd di outtakes, uno dei quali completamente inedito, e 3 dvd contenenti un documentario e il concerto tenuto a Tempe nel 1980.

The river l’ho già recensito qui e non tornerò sull’argomento, quindi vorrei spendere qualche parolina sul resto del materiale.

Il disco singolo The ties that bind contiene dieci canzoni, sette delle quali finiranno in The river, qui proposti con un arrangiamento leggermente diverso (The ties that bind, Hungry heart, Stolen car, The river, You can look (but you better not touch), The price you pay, I wanna marry you) in più troviamo Be true e Loose end già apparse in Tracks e la completamente inedita Cindy. Quest’ultima è davvero un gioiello, ed è un peccato che non sia finita su The river, o perlomeno su Tracks. In rete circolava una versione simile con il vocione di Clarence Clemons a fare da controcanto, qui invece la voce di Big man non si sente.
Capite quindi che sarebbe stato sì un bell’album ma niente a che vedere con The river.

Sul cd di outtakes invece ho qualche perplessità. Ci sono certamente canzoni interessanti ma in più punti sembra di sentire il rumore della paletta che raschia il fondo del barile. Dopotutto c’era già stato il secondo cd di Tracks che dava ampio sfogo alle outtakes di The river quindi era un po’ difficile trovare materiale di prima scelta.
Però…quando si tratta di Bruce c’è sempre un però: questo cd ha il merito di offrire comunque un grande capolavoro: si tratta di Stray bullets. Una ballata mozzafiato suonata quasi tutta al pianoforte e accompagnata da uno splendido sax, che si conclude con un assolo di chitarra. Una delle cose più belle partorite dalla mente di Springsteen, nonostante la scarsa visibilità.
Il resto si divide tra pezzi piacevoli e altri completamente inutili, niente capolavori.

Meet me in the city e Party lights rappresentano il lato più rockettaro e spensierato di The river, canzoni frizzanti e orecchiabili adatte ai live, insieme a The man who got away e Chain lightning i quali accordi poi sfoceranno in State trooper. Rimangono Little white lies, The time that never was, night fire, Whitetown che a mio avviso sono episodi del tutto trascurabili che non sarebbero state degne nemmeno di un ipotetico quinto cd di Tracks. A chiudere il cd è Mr.Outside, bozzetto acustico che brilla per la sua inutilità. Tra le tracce troviamo anche una versione in studio della strumentale Paradise by the “C” che era già stata proposta in Live ’75-’85.

Il secondo cd di outtakes propone brani già noti e perlopiù contenuti in Tracks, quindi si tratta esclusivamente di un cd utile a rendere ancora più voluminoso il cofanetto.
Unica nota interessante la versione in studio di Held up without a gun, che era già stata proposta in versione live nel cd di inediti e rarità di The essential.

Nel documentario troviamo Bruce che si mette a nudo per un’ora ed esegue pezzi in versione acustica di The river e racconta la sua storia.
Interessante.

Il dvd del tour serve più che altro ai fan di Springsteen che sono in astinenza da live dal 2013, ma tra poco questa mancanza verrà colmata in vista delle nuove date di luglio in Italia.
Viene qui riproposto un concerto quasi per intero (25 canzoni su 34) che i fan già conoscevano perché circolava come bootleg, ma ora finalmente hanno la possibilità di goderselo in ottima qualità.

Il tutto è rilegato in una confezione mastodontica che rivaleggio con il box di Darkness on the edge of town.

Si tratta di un regalo di natale perfetto, ma per spendere 100 euro bisogna essere più che fan. Forse bisogna essere veri e propri maniaci. Io questa volta non me la sono sentita di spendere quella cifra, nonostante in passato non abbia mai badato a spese quando si trattava di Bruce.

L’unico motivo per il quale avrei acquistato questo cofanetto sono i brani inediti, ma quando sono andato ad ascoltarli ho capito che non valeva assolutamente la pena spendere quella cifra per delle canzoni che non valgono nemmeno mezzo cd di Tracks.

E così siamo giunti alla fine del percorso springsteeniano. Ho voluto fare uno strappo alla regola recensendo questo cofanetto giusto per avere ancora un pretesto per parlare di un album di Bruce. Avrei potuto recensire tutti i live e le raccolte ma ho preferito focalizzarmi sui lavori in studio.

Ricordo a tutti i fan (e non) che tra poco il nostro si esibirà a Milano il 3 e il 5 luglio e a Roma il 16 luglio.

Tornerò sicuramente a parlare di Bruce dopo il concerto e poi troverò sicuramente qualche pretesto per farlo, in attesa di un nuovo album di inediti da recensire che spero uscirà nel corso del 2017.

Ringrazio tutti quelli che hanno letto e commentato le mie recensioni e come diciamo noi springsteeniani:
Stay hard, stay hungry, stay alive.

Alla prossima.

TRACKLIST:

CD1

The River – Disc One

1.The Ties That Bind
2.Sherry Darling
3.Jackson Cage
4.Two Hearts
5.Independence Day
6.Hungry Heart
7.Out In The Street
8.Crush On You
9.You Can Look (But You Better Not Touch)
10.I Wanna Marry You
11.The River

CD2

The River – Disc Two

1.Point Blank
2.Cadillac Ranch
3.I’m A Rocker
4.Fade Away
5.Stolen Car
6.Ramrod
7.The Price You Pay
8.Drive All Night
9.Wreck On The Highway

CD3

The River: Single Album

1.The Ties That Bind
2.Cindy
3.Hungry Heart
4.Stolen Car (Vs.1)
5.Be True
6.The River
7.You Can Look (But You Better Not Touch) (Vs.1)
8.The Price You Pay
9.I Wanna Marry You
10.Loose End

CD4

The River: Outtakes

Record One

1.Meet Me In The City
2.The Man Who Got Away
3.Little White Lies
4.The Time That Never Was
5.Night Fire
6.Whitetown
7.Chain Lightning
8.Party Lights
9.Paradise By The “C”
10.Stray Bullet
11.Mr. Outside

 

Record Two

1.Roulette
2.Restless Nights
3.Where The Bands Are
4.Dollhouse
5.Living On The Edge Of The World
6.Take ‘em As They Come
7.Ricky Wants A Man Of Her Own
8.I Wanna Be With You
9.Mary Lou
10.Held Up Without A Gun
11.From Small Things (Big Things One Day Come)

 

DVD 1

The Ties That Bind (Documentario)

DVD 2

The River Tour, Tempe 1980

Concert – Part 1

1.Born To Run
2.Prove It All Night
3.Tenth Avenue Freeze-Out
4.Jackson Cage
5.Two Hearts
6.The Promised Land
7.Out In The Street
8.The River
9.Badlands
10.Thunder Road
11.No Money Down
12.Cadillac Ranch
13.Hungry Heart
14.Fire
15.Sherry Darling
16.I Wanna Marry You
17.Crush On You
18.Ramrod
19.You Can Look (But You Better Not Touch)

DVD 3

The River Tour, Tempe 1980

Concert – Part 2

1.Drive All Night
2.Rosalita (Come Out Tonight)
3.I’m A Rocker
4.Jungleland
5.Detroit Medley
6.Where The Bands Are (Credits)

Bonus: The River Tour Rehersals

1.Ramrod
2.Cadillac Ranch
3.Fire
4.Crush On You
5.Sherry Darling

  • Articoli precedenti

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...